Storia

Lo scatolificio dei fratelli Montali nasce negli anni 50, in un piccolo capannone di 250 mq, destinato fino ad allora al deposito di pelli e semi di pomodoro.
In quegli anni il materiale utilizzato per gli imballi nell'industria era prevalentemente il legno.
Il cartone risultò quindi una proposta del tutto rivoluzionaria.
Furono proprio Giuliano Montali e i suoi due fratelli a far sorgere il primo scatolificio nella provincia reggiana  e a proporre questo nuovo materiale per l'imballaggio.
Fiduciosi sul futuro di questo packaging, iniziano l'esperienza imballando i prodotti dell'altra loro azienda che produce alimenti. Il successo è immediato.
Iniziano con  qualche macchina operatrice, un camion, un telefono con il numero 3.
Con il passare degli anni l'attività andò in crescendo, fino a quando nel 1974, a seguito della morte di uno dei fratelli, Giuliano decide di proseguire da solo con l'attività di produzione dei cartoni.
Credendo sempre più al progetto punta sugli investimenti tecnologici e inizia la costruzione di un capannone industriale, diventando società di capitali.

L'entusiasmo continua, si investe in macchinari sempre più tecnologici e si acquistano realtà imprenditoriali delle stesso settore in zone limitrofe.

Attualmente contiamo un area di 12.000 mq coperti, linee di produzione totalmente automatizzate, e un impianto fotovoltaico di 700 kw. che ci permette di coprire l'intera nostra produzione con energia alternativa generando una riduzione  di emissioni di CO2 in atmosfera di 512.000 chili/annui.

Questo sito web fa uso di cookies al fine di migliorare l'esperienza di navigazione.
Continuando ad utilizzare questo sito web l'utente dichiara di accettare e acconsentire all'utilizzo dei cookies.
Maggiori informazioni sull'uso dei cookies